Top 11 e Flop 11 - 24° Giornata Serie A

Super Pavoletti e Piatek. Sorprese Ceppitelli, Criscito e Farias. Ritorno per Calhanoglu. Bocciati Berisha, Vitor Hugo, Hateboer e Locatelli.


Scritto il 19/02/2019 - Ultimo aggiornamento: 19/02/2019


Turno di campionato che vede il continuo allungo della Juventus, vittoriosa per 3-0 sul Frosinone. Pari e patta tra Napoli e Torino. L’Inter vince nel finale contro la Sampdoria per 2-1 tenendo a distanza di sicurezza il brillante Milan di Gattuso, capace di espugnare Bergamo, casa dell’Atalanta per 3-1. 

Davanti agli orobici, c’è la Roma a quota 41. Tre punti più giù oltre la Dea, c’è anche la Lazio battuta in pieno recupero dal Genoa. Continua la risalita la Fiorentina.

Nella lotta salvezza vincono quasi tutte le squadre a ridosso della zona calda. Tris dell’Empoli contro il Frosinone, rimonta del Cagliari contro il Parma e vittoria sul gong per l’Udinese con Teodorczyk. 

Ora, come di consueto, vediamo promossi e bocciati di questo weekend di Serie A in base ai voti oggettivi di Fantacalcio-online.

Top 11 - I migliori 11 della 24° Giornata di Serie A

P 7.017
OLSEN
D 7.2
NKOULOU
D 6.82
CEPPITELLI
D 6.83
CRISCITO
C 7.4
GERSON
C 7
ALLAN
C 6.971
KRUNIC
C 6.751
CALHANOGLU
A 7.02
DIEGO FARIAS
A 7.1
PAVOLETTI
A 7.71
PIATEK

Miglior formazione di giornata disposta con il 3-4-3. Non mancano le new entry come Ceppitelli, Criscito, Calhanoglu e Farias. Ritornano nella Top Krunic e Olsen. Bene i bomber Pavoletti e Piatek.

Olsen (Roma) 7.02: Prestazione super per il portiere giallorosso esente da colpe solo sul gol di Sansone. Almeno 4 interventi decisivi su 6 parate effettuate. Saracinesca nell'uno vs uno. Di Francesco spera che non sia solo uno stato di forma passeggero.

Nkoulou (Torino) 7.20: Il difensore senegalese sfodera una prestazione superlativa contro il Napoli. 8 palloni recuperati e 5 duelli vinti su 6 intrapresi. Perfetto anche in fase di impostazione, dove ha una pulizia nel tocco del 90%.

Ceppitelli (Cagliari) 6.82: Il capitano dei sardi ultimamente ne ha aveva combinate di tutti i colori. Tra espulsioni e svarioni difensivi non aveva brillato per continuità di rendimento. Annulla Inglese e spizza di testa per il gol dell’1-1 di Pavoletti. Capitano ritrovato!

Criscito (Genoa) 6.83: Una scelta di cuore quella di ritornare nella sua Genova. Un gol di pregevole fattura quello che sancisce la vittoria con la Lazio. Una rete 10 anni dopo l’ultimo sigillo con la maglia del Grifone risalente al 23 agosto 2009 contro la Roma.  

Gerson (Fiorentina) 7.40: Il brasiliano di Pioli agisce nel terzetto offensivo dando continue apprensioni alla difesa. Fermato in maniera irregolare in 5 occasioni, punta spesso gli avversari creando superiorità numerica. Chiude i giochi rubando il pallone a Valoti.  

Allan (Napoli) 7.00: Prestazione da Allan vecchia maniera. Dominante nei contrasti e straripante negli uno vs uno dove esce vittorioso 12 volte su 19. Quantità e qualità garantita anche dalla precisione nei passaggi (92% su 60 appoggi). 

Krunic (Empoli) 6.97: Il bosniaco continua la sua stagione super. 4 reti ed altrettanti passaggi vincenti. Imprescindibili suoi movimenti nel 3-5-2 di Iachini. Tanti passaggi e soprattutto giocate per creare superiorità numerica.  

Calhanoglu (Milan) 6.75: Finalmente Hakan! Il turco si sblocca contro l’Atalanta con una prova di livello. Cambi di gioco riusciti in più di un caso, giocate intelligenti per i compagni. Il classe ‘94 può essere il valore aggiunto per i rossoneri in questa parte della stagione. 

Farias (Empoli) 7.02: Gol e assist per il centravanti arrivato a gennaio dal Cagliari. Si sta dimostrando un acquisto azzeccato. 4 gol in 19 gare, di cui 10 da titolare. Con il rientro di La Gumina si giocherà la maglia da titolare al fianco di Caputo.   

Pavoletti (Cagliari) 7.10: Una doppietta che gli vale il nono gol in campionato. Prima in spaccata in tuffo sulla spizzata di Ceppitelli e poi con la specialità della casa, il tuffo di testa. La salvezza del Cagliari passa dalle sue marcature.  

Piatek (Milan) 7.71: Il “Pistolero” non accenna a fermarsi. Il primo gol è un’autentica invenzione del polacco. Traversone  di Rodriguez e volé di sinistra per battere Berisha. Il raddoppio è con una zuccata di testa su corner dopo l’errore di Berisha. 

Flop 11 - I peggiori 11 della 24° Giornata di Serie A

D 4.88
CAPUANO
D 5.01
VITOR HUGO
D 4.82
PELUSO
C 4.34
HATEBOER
C 4.87
CHIBSAH
C 4.05
VALOTI
C 4.97
LOCATELLI
C 4.82
FARES
C 4.927
JOAO PEDRO
A 4.76
DJORDJEVIC

Sistema di gioco inedito e dedicato ai tanti fantallenatori che giocano con il trequartista: 3-5-1-1. Consueto mix di calciatori in lotta per retrocedere e nobili decaduti come Berisha, Vitor Hugo, Hateboer e Locatelli.

Berisha (Atalanta) 4.91: Tre gol incassati contro il Milan, ma non è esente da colpe soprattutto sulla terza rete. Uscita pessima sul traversone di Calhanoglu. L’albanese, nonostante queste defaillance, è comunque un portiere affidabile.  

Capuano (Frosinone) 4.88: Dalla Top alla Flop nel giro di una settimana per il centrale frusinate. Non riesce quasi mai ad avere la meglio contro Cristiano Ronaldo. Soffre parecchio gli inserimenti dei centrocampisti e dei difensori. 

Vitor Hugo (Fiorentina) 5.01: Non si segnala per errori decisivi, ma per quelli potenziali. Sbaglia tanto in fase di uscita dalla difesa. Non sempre perfetto nel posizionamento, soprattutto nel primo tempo con Ceccherini. 

Peluso (Sassuolo) 4.82: Il peggiore dei sassolesi è indubbiamente il classe ‘84. La sua peggior prova in questa stagione. Era stato rilanciato con ottimo esito da gennaio, dalla prossima potrebbe sedere in panchina. Farias è stato un rebus irrisolvibile per lui. 

Hateboer (Atalanta) 4.34: Tra i migliori interpreti nel ruolo. L’olandese crolla come tutta la Dea nella seconda frazione di gioco. Neppure un cross andato a buon fine. Rodriguez e Paquetà riescono ad arginarlo in maniera encomiabile. Respinge male sul 2-1. 

Chibsah (Frosinone) 4.87: Il mediano frusinate non ha vita facile contro la mediana juventina. Perde due palloni ed esce sconfitto da quasi il 90% dei contrasti. Non recupera il possesso e non garantisce la giusta copertura ai difensori che vanno in affanno se puntati. 

Valoti (Spal) 4.05: Dalla gioia della rete al rigore della Fiorentina con conseguente annullamento del gol per merito del Var. Tutto nel giro di pochi minuti. Nel finale naufraga come i compagni di squadra e regala il pallone a Gerson per il 4-1 viola. 

Locatelli (Sassuolo) 4.97: Se la regia non è lucida il Sassuolo di De Zerbi soffre. Non dà equilibrio in mediana. Non fa filtro contro le scorribande dei centrocampisti ed attaccanti empolesi. Zero verticalizzazioni riuscite e ben 2 palloni persi in zone pericolose. 

Fares (Spal) 4.82: Opaca la prova dell’algerino. Propositivo, ma senza la giusta precisione messa in mostra in altre occasioni. Scarsa la precisione nei lanci lunghi (0 su 5) e nei cross (0 su 1). Meno della metà degli uno vs uno è andato a buon fine (5 su 12).

Joao Pedro (Cagliari) 4.93: Il trequartista vive un primo tempo anonimo senza trovare la giusta posizione in mezzo al campo. Poi, nel miglior momento dei suoi e quando sembrava prossimo alla sostituzione, l’espulsione per espressione ingiuriosa nei confronti dell’arbitro. 

Djordjevic (Chievo Verona) 4.76: La prova dell’attaccante serbo non sarebbe stata da buttare senza la gomitata che ha determinato il rigore decisivo a favore dell’Udinese. Nell’arco dei 90’ ha creato qualche grattacapo al portiere friulano Musso. 

Autore: Francesco Pompeo