Fantamondiale: Top & Flop prima giornata

Scopriamo chi ha giocato bene e chi ha imbarazzato nella giornata inaugurale


Scritto il 20/06/2018 - Ultimo aggiornamento: 20/06/2018


La prima giornata dei Mondiali ha regalato a tutti i fantallenatori numerose sorprese, con tra cui il pareggio dell’Argentina contro l’Islanda, la sconfitta della Germania contro il Messico e il pareggio del Brasile, incapace di andare oltre l’1-1 contro la Svizzera. Buon esordio dei padroni di casa, che hanno messo in evidenza il talento di Golovin nella goleada rifilata all’Arabia Saudita.

Nell’eterna sfida tra Ronaldo e Messi è stato il primo a trionfare, almeno in questa giornata d’esordio. CR7 ha ripagato l’enorme investimento che hanno fatto su di lui i fantallenatori con una tripletta e una prestazione da incorniciare, mentre l’argentino non ha saputo incidere ed ha sbagliato anche un rigore.

Tra i calciatori meno noti che si sono maggiormente messi in luce, possiamo evidenziare Denis Cheryshev che ha contribuito al trionfo della Russia con una doppietta, Alireza Beiranvand portiere low cost dell’Iran e Finnbogason dell’Islanda, attaccante comprabile per 9 Kapitals alla prima giornata ma che ha già ricevuto una discreta rivalutazione.

Girone A

Russia-Arabia Saudita 5-0

Top: Non c’è stata storia nel match inaugurale del Mondiale. Troppo elevato il divario tecnico tra Russia e Arabia Saudita. I padroni di casa si sono imposti per 5 reti a zero, grazie al talento cristallino di Golovin (voto senza bonus/malus 8) autore di 1 gol e 2 assist. La partita è stata sbloccata da Gazinskiy (7), con un perentorio colpo di testa, mentre è stato Cheryshev (7.50) a chiuderla definitivamente siglando i gol del 2-0 e del 4-0.

Flop: Prestazione ben al di sotto della sufficienza degli arabi, che hanno messo in evidenza lacune organizzative piuttosto palesi. In difesa i due esterni non sono mai riusciti a fermare i diretti avversari russi e hanno chiuso con voti bassissimi: a sinistra Al Shahrani ha concluso il match con un 5, mentre a destra al Burayk è riuscito nell’impresa di fare addirittura peggio, meritandosi un 4.5. A centrocampo Al Shehri (4.5) è risultato essere troppo impreciso in fase di impostazione, mentre in fase difensiva non è riuscito a fornire adeguato supporto ai difensori.

Egitto-Uruguay 0-1

Top: Egitto-Uruguay poteva essere la prima grande sorpresa tra i match della prima giornata. Così non è stato, grazie al gol decisivo di Gimenez (7) che è riuscito nell’impresa di battere l’attento El Shenawi (7), quest’ultimo autore comunque di una prestazione sontuosa, grazie a parate piuttosto complicate, come quella effettuata nel secondo tempo su tiro a volo di Cavani.

Flop: È stato Luis Suarez (4.5) il peggiore di questo match, a causa di una prestazione piuttosto opaca sotto porta, incapace di andare a segno a tu per tu col portiere per ben 3 volte. Hegazi nell’Egitto (5.5)  non è riuscito a fermare efficacemente gli avanti dell’Uruguay, concedendo troppe occasione e beccandosi anche un’ammonizione ingenua. In avanti, egiziani davvero poco pericolosi a causa dello strapotere fisico e atletico della coppia Gimenez-Godin, ma anche per l’inconsistenza della performance di Mohsen (5.5).

Gruppo B

Marocco-Iran 0-1

Top: Risultato a sorpresa al Krestovsky Stadium di San Pietroburgo. L’Iran è riuscito a prevalere grazie all’autogol di Aziz Boudhaddouz (4.5), entrato al 77° al posto di uno spento El Kaabi (5.5). Ci si aspettava una prestazione sontuosa di Azmoun tra le fila degli iraniani, invece l’attaccante del Rubin Kazan è stato tra i peggiori del match, complice un problema al polpaccio (5).

Flop: Si sono ben disimpegnati, invece, i due portieri. Munir (6.5) e Beiranvand (7) hanno più volte rimediato agli errori dei compagni di squadra, mostrando doti fisiche e atletiche di buon livello. Tra gli uomini di movimento, invece, ha colpito la prestazione di Nordin Amrabat (6.5), costretto ad uscire nel secondo tempo a causa di un infortunio ma autore di svariate galoppate sulla destra.   

Portogallo-Spagna 3-3

Top: Cristiano Ronaldo (9) ha letteralmente trascinato i suoi con una tripletta, aprendo le marcature al 4° minuto su rigore. Procurato da chi? Ovviamente da CR7! Ronaldo ha poi siglato i gol del provvisorio 2-1 e del definitivo 3-3, con una meravigliosa punizione. Degna di nota anche la prestazione di Diego Costa (8), che ha reso alla grande nel 4-2-3-1 disegnato da Hierro, siglando due reti ai portoghesi.

Flop: L’esperienza in Cina sembra averlo arrugginito parecchio. José Fonte non è praticamente mai riuscito a prendere le misure al suo diretto avversario e il voto oggettivo ne ha risentito parecchio (4.5). Tra gli spagnoli è stato il potenziale punto di forza a deludere. David De Gea (4.5), dopo una stagione ottima allo United, non è riuscito a ripetersi in questa prima giornata del Mondiale, commettendo un errore piuttosto grave sul secondo gol dei portoghesi.

Gruppo C

Francia-Australia 2-1

Top: N’Golo Kanté (7) ha garantito la consueta dose di quantità a centrocampo, recuperando palloni e smistandoli ai vicini Pogba e Tolisso. Tra le fila degli australiani, buona prova del duo Mooy (7)-Jedinak (6.5) a centrocampo, che ha consentito di creare grande intensità nella zona centrale.

Flop: Un fallo sciocco di Risdon (4.5) ha regalato il rigore del provvisorio vantaggio alla Francia. A distanza di 4 minuti, c’ha pensato Umtiti (4.5) a ripristinare la situazione d’equilibrio con un fallo di mano nella propria area di rigore piuttosto evidente, anche senza l’ausilio del VAR.

Perù-Danimarca 0-1

Top: Nonostante la sconfitta, il Perù ha messo in evidenza ottime potenzialità, trascinata dalle giocate di Carrillo (7) sulla corsia mancina. Tra i danesi buone prove del centrale difensivo del Chelsea di Conte Christensen (6.5) e di Schmeichel (7) che ha costretto Cueva all’errore dal dischetto.

Flop: Proprio Cueva (5) rientra di diritto tra i flop di questo match. L’errore dagli 11 metri poteva instradare il match su binari completamente differenti. Così non è stato, a causa di un rigore tirato in curva. Tra i suoi compagni di squadra si sono distinti in negativo anche Tapia (che ha macchiato la sua prova anche con un’ammonizione) e Ramos (5) che in difesa è risultato essere il peggiore dei suoi.

Gruppo D

Argentina-Islanda 1-1

Top: Sembra un sogno ma non lo è. L’Islanda è riuscita nell’impresa di pareggiare all’esordio contro una delle favorite alla vittoria finale del torneo. E lo ha fatto grazie alle ottime prove di Finnbogason (6.5), autore del gol e Halldorsson (7.5), che ha compiuto una serie di parate davvero miracolose.

Flop: Doveva rappresentare la risposta di Messi a Ronaldo. Si è ben presto trasformata in un incubo. L’Islanda è riuscita ad impattare contro i ben più quotati argentini, i quali dovranno lavorare molto sul fronte della solidità difensiva e della fluidità di manovra offensiva. Caballero (5) sembra aver dato ragione a coloro che lo vorrebbero in panchina per far posto ad Armani, mentre tra i calciatori di movimento sono stati Biglia (5.5) e Messi (5.5) a deludere particolarmente.

Croazia-Nigeria 2-0

Top: buona prova per i croati che superano agilmente i nigeriani per due reti a zero. Sugli scudi Mandzukic (7) che ha propiziato l’errore decisivo di Etebo, mentre il duo formato da Rakitic e Modric (entrambi 6.5)  ha giganteggiato a centrocampo, grazie all’elevata qualità a disposizione.

Flop: sono stati in pochi a salvarsi tra le fila nigeriane. Ighalo (5) non è praticamente mai riuscito a rendersi pericoloso, mentre in difesa Troost-Ekong e Shehu hanno meritato il 5 in pagella, con una prestazione ampiamente al di sotto della sufficienza a causa di svariate distrazioni difensive.

Gruppo E

Costa Rica-Serbia 0-1

Top: partita equilibrata alla Samara Arena, tra due squadre che hanno messo in evidenza buone individualità sotto il profilo tecnico. È stato il romanista Kolarov (7) a rompere la situazione di equilibrio, grazie ad una punizione magistrale. In fase difensiva Milenkovic (6.5) ha risposto presente, mentre a centrocampo ha dato spettacolo Milinkovic Savic (6.5), con una serie di giocate d’alta scuola, tra cui una rovesciata ben parata da Keylor Navas.

Flop: Impalpabili i costaricani Venegas (5.5) e Urena (5.5), in un reparto offensivo apparso piuttosto inconsistente. Tra i serbi negativa la prova del numero 9 Mitrovic (5.5), che si è letteralmente divorato il gol del potenziale 2-0.

Brasile-Svizzera 1-1

Top: delude una delle favorite alla vittoria finale. Il Brasile, dopo essere passato in vantaggio con un tiro formidabile di destro di Coutinho (6.5), si è fatto recuperare, grazie al colpo di testa di Zuber (6), abile a liberarsi dalla marcatura di Miranda. Di rilievo, per qualità il primo e quantità il secondo, le prove di Shaqiri (6.5) e Behrami (6.5).

Flop: Miranda (5.5) è finito sul banco degli imputati per essersi perso ingenuamente Zuber sul gol del pareggio, ma non è stato l’unico a deludere. In attacco non hanno brillato Gabriel Jesus (5) e Willian (5.5), mentre tra gli svizzeri non è apparso al top della condizione Schar (5).

Gruppo F

Germania-Messico 0-1

Top: trascinati da uno stratosferico Lozano (7.5) i messicani sono riusciti a battere i campioni del mondo in carica nella gara d’esordio. Di rilievo, seppur macchiata da un’ammonizione, la prestazione di Herrera (6.5), che ha abbinato quantità e qualità, tentando il gol con potenti conclusioni da fuori area.

Flop: dove è finita la consueta solidità dei tedeschi? Palesando gravi lacune sul fronte delle marcature preventive, la Germania si è esposta più volte ai ficcanti contropiedi degli avversari. Ne hanno sofferto, in particolare, Hummels (5) e Plattenhardt (5.5), quest’ultimo comprato da tantissimi allenatori a causa del suo costo basso, ma che non ha ripagato l’investimento fatto, almeno in termini di performance.

Svezia-Corea del Sud 1-0

Top: la Svezia è riuscita a conquistare i primi 3 punti nei Mondiali 2018 grazie alla consueta solidità difensiva e un’organizzazione tattica capace di valorizzare al meglio le doti fisiche della squadra. Al di là del rigore, buona la prova di Granqvist (7), aiutato al meglio in difesa da Jansson (6.5).

Flop: Tra gli svedesi deludenti i tanto attesi Berg (5.5) e Forsberg (5), mentre tra i coreani è stato Hwang (5) a risaltare per la prova opaca. Ma non solo: anche Kim in attacco non è riuscito a creare scompiglio nella difesa svedese.

Gruppo G

Belgio-Panama 3-0

Top: nonostante un primo tempo tutt’altro che irresistibile, il Belgio si è sbarazzato degli avversari con un secco 3-0, grazie al gol di Mertens (7) e la doppietta di Romelu Lukaku (7.5). Sugli scudi anche Hazard (7), che ha messo creatività e tecnica al servizio della squadra.

Flop: Nel Belgio l’unico a non meritare la sufficienza è stato Witsel (5.5) autore di una prova piuttosto opaca. Tra i panamensi, sono stati Escobar (4.5) e Murillo (5) a mostrare le maggiori lacune, ma il compito di giornata era tutt’altro che semplice. Panama, peraltro, ha messo in evidenza una preoccupante tendenza al cartellino giallo e ciò ha peggiorato ulteriormente il voto di giornata degli 11 in campo.

Tunisia-Inghilterra

Top: vince e convince l’Inghilterra di Southgate, nonostante il gol vittoria di Kane (7.5) sia arrivato soltanto al 91°. Sulla destra buona la prova di Trippier (7), pericoloso anche dai calci piazzati. Tra i 3 difensori centrali quello che ha convinto di più è stato Maguire (6.5), che ha vinto il ballottaggio con Cahill ed è stato anche decisivo con un assist non intenzionale.

Flop: passando alle note dolenti, c’è da evidenziare la pessima performance di Ali Maaloul (5) sulla sinistra, mentre non è stato capace di garantire l’adeguata sicurezza al reparto arretrato Yassine Meriah (5.5). Tra gli inglesi, ingenuo Walker (5.5) a regalare il rigore ai tunisini, poco ispirato Alli (5.5) sostituito giustamente da Southgate che ha optato per l’ingresso di Ruben Loftus-Cheek.

Gruppo H

Colombia-Giappone

Top: in una partita fortemente condizionata dall’espulsione di Carlos Sanchez al 3° minuto di gioco, il Giappone è riuscito a trovare una vittoria fondamentale ai fini della qualificazione agli ottavi. Sugli scudi Osako (6.5), che ha realizzato il gol del definitivo 1-2 nel secondo tempo, mentre Kagawa (6.5) si è dimostrato freddo nel trasformare il rigore che ha messo sui binari giusti il match.  

Flop: ingenuità colossali dei due Sanchez. Davinson (5) non si è fatto trovare pronto sull’episodio chiave del primo tempo, mentre Carlos (4.5) si è fatto espellere ingenuamente, tentando di parare un tiro a botta sicura di Kagawa. Negativa anche la prestazione di Santiago Arias (5). Il terzino destro del PSV ha offerto poco supporto alla manovra offensiva, mentre in quella difensiva non si è contraddistinto per attenzione e capacità in fase di marcatura.

Polonia-Senegal

Top: il Senegal ha ridimensionato le ambizioni della Polonia, grazie ad una prestazione sontuosa. Ottima prova del granata Niang (7) che è andato a segno sfruttando la clamorosa ingenuità della difesa polacca. In difesa ha colpito Sabaly (6.5) per capacità di spinta e abilità difensive nel contrastare il duo Blaszczykowski-Piszczek.

Flop: troppo brutti per essere veri. I polacchi hanno ampiamente deluso le aspettative e sul banco degli imputati sono finiti alcuni dei calciatori più rappresentativi come Milik (5.5), Piszczek (5), Szczesny (5) e Krychowiak (6). Quest’ultimo ha di fatto regalato a Niang l’occasione per il momentaneo 0-2, grazie ad un retropassaggio scellerato. Si è in parte rifatto, però, segnando il gol del definitivo 1-2 e riaccendendo (per poco) le speranze della sua squadra.

Autore: Vincenzo Rusciano