Top 11 & Flop 11 - 9° Giornata Serie A

Promossi e bocciati della nona giornata di Serie a secondo i voti oggettivi. Ilicic "on fire" !


Scritto il 23/10/2018 - Ultimo aggiornamento: 23/10/2018


Migliori e peggiori della 9° giornata di Serie A

Primo weekend di campionato dopo la pausa per le Nazionali che ci regala sorprese fin dagli anticipi del sabato. La Spal sbanca l’Olimpico giallorosso con le reti di Petagna e Bonifazi, mentre alle 18 la Juventus impatta sull’1-1 contro il nuovo Genoa targato Juric. La sera un Napoli spietato cala il tris contro l’Udinese.

Nello scontro salvezza tra Frosinone ed Empoli va in scena la festa del gol, così come in Chievo Verona-Atalanta conclusasi con il successo per 5-1 degli ospiti. Vittoria esterna della Lazio sul Parma, pareggi tra Bologna-Torino e Fiorentina-Cagliari. Nella stracittadina di Milano è il solito Icardi a siglare la rete dei 3 punti. Reti inviolate tra Sampdoria e Sassuolo nel monday night.

Top 11 - I migliori 11 della 9° Giornata di Serie A

Dopo il quadro sulla giornata focalizziamoci sui migliori e i peggiori del turno di campionato considerando i voti oggettivi di Fantacalcio-online. Partiamo dai migliori disposti in campo in un ipotetico 3-4-3.

P 6.716
SEPE
D 7.04
FARAGO
D 7.26
ACERBI
D 6.845
MALCUIT
C 7.27
RUIZ
C 6.995
LAZZARI
C 7.14
DE ROON
C 7.72
GOSENS
A 7.251
CORREA
A 7.139
CIOFANI
A 8.99
ILICIC

Sepe (Parma) 6.72: Due interventi prodigiosi da parte del portiere ducale su 7 parate compiute che negano a più riprese la gioia della rete agli avanti biancocelesti. Capitola solo sul rigore di Immobile e sul diagonale a fil di palo di Correa. Non riesce a collezionare un altro clean sheet.

Faragò (Cagliari) 7.04: Un passaggio chiave che vale oro per l'ex capitano del Novara. Ottima prestazione in quel di Firenze. Ara la fascia e dimostra a Maran che può essere un titolare di questa squadra. Quantità e qualità come dimostrato dall’82% di precisione nei passaggi.

Acerbi (Lazio) 7.26: Baluardo della retroguardia biancoceleste. Davvero insuperabile dai vari attaccanti del Parma che non sanno in che modo superarlo. 17 palloni recuperati, un passaggio chiave non sfruttato da Patric e regista della squadra con la presenza nell’87% di azioni biancocelesti.

Malcuit (Napoli) 6.84: Spina nel fianco per le difese avversarie. Il difensore francese prelevato dal Lille fa la differenza in fase offensiva entrando nell’82% delle trame offensive partenopee. Deve migliorare nel recupero palla e nella precisione dei cross, piuttosto bassa. Se parte palla al piede però sono dolori…

Lazzari (Spal) 7: “Trottolino” inesauribile e rebus irrisolvibile per la difesa della Roma. Fa sfracelli sulla fascia destra conquistando un penalty per atterramento dell’ingenuo Luca Pellegrini. Entra nel 70% delle azioni della squadra di Semplici e pur non giocando la sua migliore gara dimostra di essere tra i migliori esterni del campionato.

Ruiz (Napoli) 7.27: Sublime il gol dello spagnolo contro l’Udinese. Un’autentica gemma tecnica per il calciatore chiamato a sostituire Verdi infortunatosi nei primi minuti. Alcuni dati per capire che a Napoli hanno un calciatori con crismi del campione. 90% di accuratezza nei passaggi e capacità di trionfare nei dribbling superiore al 75%.

De Roon (Atalanta) 7.14: Ha il merito di aprire il conto nel match del “Bentegodi”. Missile dal limite dell’area che si insacca in buca d’angolo. Prova impressione per la legna fatta in mezzo al campo e per la precisione nel tocco. Un calciatore silenzioso che tutti gli allenatori vorrebbero.

Gosens (Atalanta) 7.72: Prova eccellente dell’esterno ex Heracles. Gol e assist che mandano in rete i compagni. Fa la differenza facendo ammattire il povero De Paoli che non sa in quale modo arginarlo nell’arco dei 90 minuti. Nonostante Adnan e Reca, Gasp sembra aver scelto già il titolare dell’out mancino.

Correa (Lazio) 7.25: Cambia il volto alla gara. Spacca la partita con il suo estro. Si muove tanto senza palla a differenza di Luis Alberto, un vero fantasma. Sembra un calciatore decisamente più maturo e consapevole dei mezzi rispetto ai suoi precedenti trascorsi italiani. Secondo gol che vuol dire vittoria per la Lazio.

Ciofani (Frosinone) 7.14: Se dovessimo basarci sui palloni persi e sui duelli aerei non andati a buon fine lo dovremmo inserire tra le delusioni. Invece, il bomber ciociaro dimostra di aver un fiuto del gol fuori dal comune. Doppietta, prima il rigore poi la conclusione su assist di Campbell.

Ilicic (Atalanta) 8.99: Tripletta. Hat-trick per il fantasista sloveno che caccia via gli incubi di inizio stagione e i problemi al linfonodo. Il suo mancino è qualcosa fuori dal comune. Se ritorna quello della scorsa stagione, Gasperini e la sua Atalanta possono ripetersi nuovamente.

I migliori 11 della nona giornata (per media voto decrescente)

Voti
Oggettivi 8.99
Gazzetta: 8.00
Corriere: 9.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.72
Gazzetta: 7.00
Corriere: 7.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.27
Gazzetta: 7.00
Corriere: 7.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.26
Gazzetta: 6.00
Corriere: 7.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.25
Gazzetta: 7.00
Corriere: 7.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.14
Gazzetta: 7.00
Corriere: 7.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.14
Gazzetta: 7.50
Corriere: 7.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.13
Gazzetta: 7.50
Corriere: 7.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.07
Gazzetta: 7.50
Corriere: 6.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 7.04
Gazzetta: 6.50
Corriere: 6.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00

Flop 11 - I peggiori 11 della 9° Giornata di Serie A

Adesso spazio alle note dolenti, ai calciatori che per un motivo o per un altro hanno deluso le aspettative dei fantallenatori. La formazione è disposta con il 4-4-2

Sorrentino (Chievo) 5.28: Purtroppo per lui piove sul bagnato. Pioggia di gol nella porta clivense. L’esperto portiere non può far altro che raccogliere palloni dalla propria porta. Meritava un finale di carriera decisamente migliore, di ben altro tenore.

Luca Pellegrini (Roma) 4.93: Il giovane terzino ha avuto un banco di prova piuttosto probante contro la Spal: Manuel Lazzari. Duello impari per il momento perché il terzino spallino ha un passo in più come si è evinto in occasione del fallo da rigore.

Capuano (Frosinone) 4.90: Non gioca una gara negativa in generale, ma commette defaillances decisive nel posizionamento in occasione delle reti della formazione toscana. Le sue prestazioni e le sue disattenzioni sono fondamentali per le sorti della compagine di Moreno Longo.

Barba (Chievo Verona) 4.57: Il difensore prelevato dallo Sporting Gijon mette nei guai i suoi. Cartellino rosso e doccia anticipata già al primo tempo. Nella difesa a tre soffre incredibilmente le accelerazioni di Ilicic e Hateboer che lo fanno sembrare fuoriluogo.

Jaroszynski (Chievo Verona) 4.30: Come sopra. Davvero inspiegabile come possa commettere certi errori in Serie A. Sbaglia numerosi passaggi anche elementari. Precisione nei passaggi non bassissima, ma se Ilicic e Hateboer lo puntano sono dolori per il polacco. Perde 6 palloni, quasi tutti sanguinosi contro l’Atalanta.

Nagy (Bologna) 4.75: Commette un errore decisivo che consente al Torino di segnare. Così in maniera laconica si può sintetizzare la prova del mediano ungherese che sfiora l'ottanta per cento di precisione nei passaggi. Non riesce poi a garantire il giusto filtro quando i granata attaccano.

Barella 4.58: Causa un calcio di rigore poi realizzato da Veretout. Forse la peggiore gara da professionista, episodi a parte. Oltre al consueto cartellino giallo, paga una scarsa precisione nei passaggi, inferiore al 70%. Prova non da Nazionale per un calciatore valutato 50 milioni.

Capezzi 4.55: Come il collega del Cagliari regala un penalty agli avversari atterrando Ciano. Per il resto gara da dimenticare anche per la lentezza di manovra che dai dati statistici non sempre traspare. Preciso nei passaggi, ma non basta poiché rallenta il gioco non servendo con il giusto tempismo Zajc e Caputo che si inseriscono negli spazi.

De Paoli (Chievo Verona) 4.52: Due dati che possono bastare per spiegare la debacle del promettente esterno clivense. 70 % di passaggi riusciti, troppo pochi per beccare un voto sufficiente, e soprattutto la responsabilità in occasione di alcuni reti atalantine partite da dribbling o giocate azzardate in posizione non consona.

Siligardi (Parma) 4.80: Annullato dal terzetto difensivo della Lazio. Disputa la sua peggior gara da inizio anno perdendo molti palloni e dimostrando scarsa lucidità nelle giocate. Passaggi riusciti inferiori al 70 % e due terzi dei palloni toccati poi ripassati alla Lazio. Bocciato!

Stepinski 4.54: Impalpabile. Non riesce mai a creare problemi a Gollini. Zero tiri, zero cross. Annullato e nullo il suo rendimento nell'attacco clivense. Perde un duello su due contro i granitici centrali della difesa atalantina. Solo i suoi gol possono salvare il Chievo Verona dalla retrocessione in cadetteria.

Flop - I peggiori della 9° giornata per media voto decrescente

Voti
Oggettivi 4.30
Gazzetta: 4.00
Corriere: 4.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.52
Gazzetta: 4.00
Corriere: 4.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.54
Gazzetta: 5.50
Corriere: 5.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.55
Gazzetta: 5.00
Corriere: 5.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.57
Gazzetta: 4.00
Corriere: 5.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.58
Gazzetta: 6.50
Corriere: 7.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.75
Gazzetta: 5.00
Corriere: 4.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.80
Gazzetta: 5.50
Corriere: 5.00
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.90
Gazzetta: 5.50
Corriere: 5.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00
Voti
Oggettivi 4.93
Gazzetta: 4.50
Corriere: 4.50
Icdf: 0.00
Media: 0.00

Autore: Francesco Pompeo